Storia

Nuova società STSM

Il tutto inizia nel 1977, con la costituzione della Società Triestina Sport del Mare (STSM) da parte di una ventina di persone aventi l'imbarcazione nel porticciolo adiacente i Frigoriferi Generali (molo F.lli Bandiera).
La sede iniziale era ubicata in via S. Lazzaro, ospiti di un circolo culturale.
Altri appassionati del mare, provenienti dalla provincia, si associarono e in pochi mesi il loro numero triplicò.
Ottenemmo una concessione marittima, per installare dei pontili galleggianti alla radice del molo Martello (davanti il mercato ortofrutticolo).
Quaranta soci vi ormeggiarono le loro imbarcazioni.
Nel frattempo ci associammo alla FIPS (pesca) e alla FIV (vela), per soddisfare le velleità sportive dei soci. (Vi parlo del settore vela, essendone un appassionato).
Una flotta di una ventina di scafi, stazzò le loro barche per partecipare alle varie regate. E vi dirò che qualcuna ottenne buoni risultati (a lungo) contro le più agguerrite società del golfo.
Il numero dei soci aumentava e necessitava una sede tutta nostra. La ottenemmo nello stabile dell'ex magazzino vini, situato alla radice del molo Venezia.
Nel giro di pochi mesi, con la collaborazione dei soci, ne facemmo una sede degna di tal nome, un gioiello.
A questo punto potemmo iniziare la formazione sportiva dei nostri figli. Acquistammo mezza dozzina di optimist e iniziammo la scuola di vela giovanile.
Era un piacere vedere questi pargoletti dai sei anni in su andare per mare, seguiti costantemente dall'istruttore sul gommone.
Una nota: per ben due stagioni gli optimist andavano in mare dalle scalette di pietra adiacenti la pescheria, con peripezie varie, poi finalmente arrivò uno scivolo attrezzato.
L'allenamento costante e tenace, portò due nostri ragazzi, i fratelli Cresti, ai vertici nazionali (più volte Ii classificati) e ai mondiali a Helsinki (Finlandia).
Dopo una decina d'anni, arrivò la brutta notizia, lo sfratto della sede sociale.
Anni di sacrificio buttati a mare (per fortuna siamo marinai).
Cinque anni bui passati in due container alla radice del molo Martello.
Perdita di un considerevole numero di soci (eravamo più di 200) e blocco delle attività giovanili (subito ripreso in condizioni disagiate).
Finalmente arriva la concessione per una sede sul molo F.lli Bandiera (vicino alla Lanterna).
Altri sacrifici, ma ne vale la pena.
In contemporanea si ottiene un altro specchio acqueo in "Sacheta", davanti i Frigoriferi Generali.
Allestiamo dei pontili galleggianti, dove vengono ospitati una quarantina di nostri soci e uno scivolo per la scuola vela e le attività giovanili.
Dopo molte attese e tribolazioni, arriva nel 2005 l’ampliamento di questi ultimi pontili che ci danno la possibilità di ospitare un’altra trentina di soci.
Siamo ai nostri giorni, e da poco, abbiamo celebrato con una magnifica festa, i trent'anni dell'associazione; vedremo cosa ci riserverà il futuro!

G.P. & S.C.